Tipi di Pubblico per Facebook

C’è un mondo di cose da fare in Facebook Ads in termini di campagne, annunci e via dicendo. Ma di sicuro la cosa più interessante non è cosa faccio vedere, ma a chi.. e in questo Facebook batte tutti. Si possono creare tanti tipi di pubblico e veicolare le inserzioni solo a queste persone. Per uno specifico pubblico si possono usare e combinare dati diversi: • Ogni tipo di dato demografico può essere utilizzato (età, sesso, città, lingua…). Praticamente tutti i dati che inserite su Facebook possono essere usati per creare un pubblico segmentato e specifico (Esempio “solo donne”) • Ogni dato che vi viene in mente, Facebook probabilmente ce l’ha sotto forma di interesse. Potete creare un pubblico che ha interesse “automobile” , oppure interesse “Mercedes”, oppure interesse “Mercedes classe A “. Il dato demografico è preciso (ad esempio uomo/donna) quello sugli interessi lo stabilisce Facebook in base alle tue attività, per cui è meno preciso. • Si può creare un pubblico usando i dati dei clienti, importando cioè un file di email e/o numeri di telefono che Facebook riconosce e associa a utenti. Quindi potete avere ad esempio il pubblico di “chi ha già comprato” • Si può creare un pubblico sulla base delle azioni compiute sul sito/app. Qui davvero ci si può sbizzarrire nell’impostare qualsiasi tipo di regola o funnel. Ad esempio possiamo avere il pubblico di chi “non accede da 5 giorni all’app e che sul sito ha visitato prima una pagina e poi un’altra” • Il pubblico sulla base delle interazioni che ha con le tue attività social: esempio “chi ha guardato almeno il 25% di un video che hai postato”, “chi ha fatto un’azione sulla tua pagina”, “chi parteciperà ad un evento da te creato” Questo ultimo punto ci deve far riflettere su come lo strumento pubblico sia così potente che le aziende investono per crearli. Moltissime realtà fanno più “social” di quanto dovrebbero ma lo fanno solo per raccogliere dati, creare un pubblico per poi utilizzarlo per attività pubblicitarie in futuro. Ad esempio un’azienda potrebbe creare un video e lo sponsorizzarlo… non tanto per far vedere il video in sè, ma per raccogliere le informazioni su chi lo ha visto almeno per il 75% (che a questo punto si suppone essere un utente interessato). Creato questo pubblico, poi si creano vere e proprie campagne di Marketing dedicate. Le cose super-powerful dell’avere un pubblico ben definito sono due:
  1. Da ogni pubblico se ne può creare uno simile, che Facebook decreta sulla base di esso. Quindi avere un pubblico vuol dire averne anche uno simile, meno targettizzato ma comunque valido
  2. Tanti pubblici diversi si possono sommare, sottrarre, escludere. Insomma combinare; una volta che se ne hanno tanti si possono fare campagne su, ad esempio, chi ha “visto le scarpe” ma non ha mai visto “i panatoli” ed è “uomo con +35 anni” ma non ha “figli maschi“. Esempio banale ma che rende l’idea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.